Baccini e le droghe sintetiche

A. Qualche sera dopo decido di fare un giro ed entro nel pub. Il locale era ancora semideserto, data l’ora. Mi siedo a un tavolo e di fronte a me vedo un signore con una chitarra in mano, uguale a Michail Gorbaciov e penso “Guarda quella chitarra, è identica a Gorbaciov! E il chitarrista somiglia a Gengis Khan!”. Il “sosia” mi guarda e fa un cenno di saluto. Io contraccambio. Poi con un italiano non perfetto mi dice “tu sei un cantante italiano, ti ho visto in tv. Vengo spesso in Italia, ho casa a Scampia”. Iniziammo a parlare di musica e assistemmo a un mini concerto della band che si esibì nel pub, i Clash of Clans. Lui era veramente Vincenzo Muccioli

lsd

A cura di Francesco Brescia

Facebook Comments
Precedente Baccini ricorda Franco Citti Successivo Francesco Baccini e il profeta del goal