Prince: il commosso ricordo di Baccini

Ero a Casalpalocco che dipingevo spinterogeni su un muretto per far vedere al mio amico Banksy come si faceva.
Si avvicina questo negro coi capelli ricci e i baffetti. Mi fa ‘Ma tu sei il cantante delle Donne di Modena? Ma lo sai che ho preso spunto da quel pezzo per Sign of the times?’ Lo guardo pulendomi le mani sulla felpa Best Company che mi aveva regalato Reagan 6 anni prima, e gli do una Marlboro. Poi si allontana, fischiettando altre mie canzoni. Io guarisco un paralitico in carrozzella, e poi torno a pittare su quel muro.
Banksy mi fa: ‘Quello era Prince’.

Prince
Prince

[a cura di Francesco Brescia]

Facebook Comments
Precedente Francesco Baccini e il profeta del goal Successivo Casaleggio folgorato sulla via di Baccini

Un commento su “Prince: il commosso ricordo di Baccini

I commenti sono chiusi.