Il Carretto passava e quell’uomo gridava DES-PA-CITO-OOOOH.

Il Carretto passava e quell’uomo gridava DES-PA-CITO-OOOOH.

Il Carretto passava e quell’uomo gridava DES-PA-CITO-OOOOH. Mi vantavo, fino a ieri, di essere arrivato a quasi metà giugno senza aver mai sentito Despacito. E non era stato facile mantenermi vergine, puro, incontaminato: evitavo scientemente le radio commerciali, non restavo in un bar per più di tre minuti consecutivi, nessun... Continua »